giovedì 27 giugno 2013

Il Piccolo Principe ai giorni nostri

Al confine del mondo, sopra una stella scarlatta
stava un pilota, con i pugni chiusi e con l’aria afflitta
dentro se stesso, imbronciato, scrutava la rotta
mentre respirava a stento quell’aria artefatta.
Era stato il capitano di una squadra unita e compatta
che di guadagni e di allori faceva incetta
girava per l’universo senza sosta, sulla meta dritta,
finché un giorno d’estate, senza alcuna fretta,
senza alcuna avvisaglia, a mo’ di burletta,
la sua nave vittoriosa si fermò, fece maretta,
facendolo atterrare sulla stella, in una botta.
Che gran dolore, che immensa disdetta!!! 
Vide sbriciolarsi ogni sua cosa, una disfatta: 
la sua nave spaziale in un baleno distrutta
i suoi compagni per lo spazio dispersi, della sua flotta
nessun segnale, nessun suono, nessuna scritta
era rimasto solo, come senza fili una marionetta.
Ma si consolava il povero pilota, con una lanetta
che aveva addosso a mo’ di mantelletta
una maglia di tela intrecciata, interamente d’ovatta.
che, come a Linus, per rassicurarlo era perfetta
e pur se di tanto in tanto si asciugava la lacrimetta
cominciò a guardarsi intorno, con aria contratta.
Sognava il pilota di trovare, sulla stella anzidetta
tracce del Piccolo Principe, quella storia galeotta
che da sempre avea nella mente, come avventura infrascritta
ma per quanto sforzasse lo sguardo non vide nulla, se non dell’erbetta.
Non c’eran volpi, però, non il re e nemmeno la rosa diletta
non l’ubriacone, e nemmeno la pecora nella scatoletta
non il vanitoso, il lampionario, il controllore con la sua libretta
insomma non c’era nessuno, constatò con aria derelitta
nessun segno, nessun personaggio, della sua storia prediletta.
La delusione si impossessò di lui. Sfortuna abbietta !
esclamò, assumendo sul viso una espressione afflitta.
Di cosa racconterò quando ritornerò, quando sarò a casetta??
Passarono molti minuti di pausa ininterrotta
ma dopo l’iniziale confusione, pur sempre circoscritta,
volse lo sguardo sul mondo circostante , su quell’erbetta 
e d’incanto, come sotto l’influsso di una magica bacchetta
si materializzò la sua protagonista, con una piroetta. .
Era una prima attrice davvero speciale: una cavalletta
con ali fosforescenti blu cobalto, e una medaglietta
che tintinnava ad ogni passo, a suon di marcetta.
Ecco di cosa avrebbe raccontato di quella spedizione distrutta!
Solo la meraviglia della fantasia, una creatività eletta
la straordinaria attitudine che alberga in certe menti, atta
a trasformare in bellezza una situazione brutta
Il pilota, sempre coerente con la sua vitalità invitta
mise mano al suo tesoro , penna e fogli della cartelletta
e cominciò a vergare il testo, della sua cronaca, in strofetta:


(*) Un tempo lontano, quando avevo sei anni, età intatta!,
in un libro sulle foreste primordiali, la bella foresta fitta
intitolato “Storie vissute della natura”, natura perfetta
vidi un magnifico disegno… (... a questo punto, miei quattro lettori, chiudete gli occhi e la storia immaginatela tutta! )






                                                                

(*) in corsivo l’incipt de “ Il Piccolo Principe”,  di Antoine de Saint-Exupéry

12 commenti:

  1. wow che brava!

    ancora sento il ritmo che danza nel pensiero silenzioso, dentro la mente, che meraviglia!

    un bacio cara
    anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto gentile, Anna :)... in realtà il "prodotto finito" non mi ha soddisfatto per nulla. Volevo scrivere altro... mah! magari ci riprovo qualche altra volta, chissà :)
      Ricambio il bacio e ti abbraccio
      Francesca

      Elimina
    2. la trovo deliziosa, rileggendola anche di più!
      tan tan tan tan ...
      canta la mia mente ... e sorride danzando

      Elimina
    3. beh... è una filastrocca :).... anche se ne ho scritti anche di lugubri (filastrocche) in genere le filastrocche son lievi....
      Grazie grazie :)

      Elimina
  2. Senza parole!!

    Ma con tanti grazie!!

    Manlio

    RispondiElimina
  3. Naaaaaaaaaaa niente grazie, Manlio :)))
    Gli artisti non campano con i
    grazie.... pregasi recarsi presso sportello bancario e inviare un bonifico cospicuo alla sottoscritta:))))

    Scherzo, lo sai :) ... ci conosciamo da troppo tempo (quanti anni ?? sette , otto??) per non conoscere la mia scarsa attitudine al guadagno :))))
    Ti abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci andrei alla posta, ma purtroppo non ho i dati per il bonifico.. ;)

      Elimina
    2. Manlio :)) mi ha strappato un gran sorriso.....
      (facciamo niente bonifico... mandameli per via telepatica :)) )

      Elimina
  4. letto tutto d'un fiato, la struttura è accattivante mentre il tema è a dir poco commovente ... splendida coniugazione di immagini fatte a parole. Ammiratissimo ! Grazie anche da parte mia :-)

    Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh che dire :).... grazie :)) Sinceramente a me nn ha soddisfatto molto, tanto che vorrei rimetterci mano... ma accetto i complimenti :))

      Elimina
  5. Sempre affascinante ogni richiamo al piccolo principe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, MG... un libro sempre attuale :))

      Elimina

Per chi commenta in anonimo: lasciare Nome e Nick o URL