sabato 1 giugno 2013

Sono ancora un petalo di gelsomino???

Questo video è l'unica cosa che ho portato con me, qui, da quella splendida avventura che fu Agorà. Le magnifiche foto di Sciac come contorno alla bellissima voce di Roberto che declamava i versi di quella poesia composta in una piovigginosa sera di tanti anni fa, è un cammeo che voglio avere sempre vicino. Oggi ho sentito Roberto, mi ha ricordato questa poesia, ha svegliato la mia nostalgia. La posto come omaggio a lui.




16 commenti:

  1. Splendida avventura.
    Ciao, Ale.

    RispondiElimina
  2. che bello ritrovarti ancora ...
    un bacio
    anna (sisempre)

    RispondiElimina
  3. La mia domanda era retorica, LU :)
    Son sempre io, ma completamente diversa.
    Ricordi la frase dove mi descrivevo?? "...in continuo divenire, oggi son quel che ho costruito ieri, domani sarà quel che saprò fare oggi"
    Son sempre io, con qualcosa in più... e qualcosa in meno.
    E con qualcosa che mi accompagna- per mia fortuna - sempre, come la tua preziosa amicizia :)

    RispondiElimina
  4. Anna, ma che piacere rileggerti!!! :)
    ... ora che ti ho ritrovato, sarà mia cura ricominciare a camminare al tuo fianco.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Michele!!!
    Che bello trovarti qui :)... non sapevo nè che tu avessi un blog, nè che tu mi leggessi.
    Poteri del gelsomino!!!!! :)))
    Un saluto a te, alla tua dolce metà, all'ex piccolo di casa che è diventato un giovanotto :)))

    RispondiElimina
  6. Da qui non vedo il video, ma non ho bisogno di vederlo..

    Forse preferivo, anche per me stesso, quel periodo a questo, ma le cose cambiano sempre, anche quando sembra che il tempo è poco e che non ci si sia accorti del cambiamento..

    Come dice Francesca il cambiamento ci ha portati ad avere qualcosa in più e qualcosa in meno.. e quel più ha un suo valore.. dobbiamo saperlo apprezzare..

    Un salutone!!
    Manlio

    RispondiElimina
  7. "Come dice Francesca il cambiamento ci ha portati ad avere qualcosa in più e qualcosa in meno.. e quel più ha un suo valore.. dobbiamo saperlo apprezzare.."
    ... è esattamente la conseguenza, ed il bello, del cambiamento.
    Forse anche io preferisco quel periodo a questo, quel periodo mi respituisce una Perla pregna di sogni e di speranza... e di illusioni. Tutte cose che la vita ha provveduto, con metodo, a polverizzare
    Un saluto a te :))

    RispondiElimina
  8. Dai.. è stata la vita a polverizzarle o manca un pochino di forza personale?

    Pensa, tanto per non far nomi, ad un supercampione che perde entrambe le gambe in un incidente..

    Un uomo ricco, abituato ad avere tutto dal suo fisico, che si ritrova totalmente a terra..

    Ed è ridiventato un super campione..

    Aveva i soldi? Aveva la famiglia? Vero, ma se aveva i soldi è perchè non li ha buttati, se aveva la famiglia è perchè è un grande uomo..

    Ed alla fine se si è rimesso a volare è merito non dei soldi, ma della volontà..

    Forse è una cosa su cui tutti dovremmo ragionare..

    Un salutone!
    Manlio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manlio, con "vita" intendevo tutto:scelte sbagliate, ignavia, ingenuità e anche quella strana aria che devi lavorare il doppio per aver metà rispetto alle persone intorno.
      La volontà soprattutto, però! Mia nonna soleva ripetermi(te lo traduco):se la fortuna non mi vorrà favorire, la mia tenacia non mi farà impoverire.
      Vuoi che avendo avuto un esempio così (e lei non ha mai letto L'Alfieri di "volli, sempre volli, fortissimamente volli")io possa nn essere in accordo con te??? :)))

      Elimina
  9. Una bella poesia e anche ben recitata. Ascoltarle le poesie però mi da la smania. Non me le ricordo più, ho bisogno di mordicchiarmele scritte. E le foto, Dio mio, per un vecchio velista come me ora ancorato in porto, che nostalgia! Bentrovata, cara Perla.

    RispondiElimina
  10. Grazie, Paolo :)
    Anche io ho bisogno della carta o, quantomeno di leggere le parole, per apprezzarne appieno il senso. Credo che noi siamo di un'altra generazione.
    Sciac e Napartaud erano miei "compagni di viaggio" nella vita precedente, quella di Splinder: entrambi magnifici nelle loro peculiarità. Sciac ottimo fotografo, Roberto bravissimo attore. Spero possano tornare, anche se Sciac nn posta più foto mentre Roberto ancora recita.
    Benvenuto tra le mie Note :)))

    RispondiElimina
  11. Diamine, una splinderiana anche tu!Io ho tenuto il blog ( cogito ergo sum ) da l2003 fino alla malaugurata chiusura di Splinder. Sono cambiate molte cose; mi sembra tutto più sbrigativo e meno riflesso.
    Devi assolutamente pubblicare o ripubblicare. E segnala agli amici. C'è bisogno di poesia e non importa essere Luzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, già, una splinderiana anche io :)) .... io dal 2004 ma alla malaugurata chiusura avevo rallentato di parecchio, ero in crisi di idee, crisi personale...
      Sul fatto che siano cambiate tante cose, concordo appieno, probabilmente ci farò un post specifico... questa riflessione mi ha già spinta a scrivere il post sul Silenzio :)
      Grazie per l'incoraggiamento :)).. in realtà io avevo acquistato un certo numero di copie e ne avevo fatto dono agli amici... non era rimasta una azione fine a se stessa. Comunque credo che amplierò quello scritto, rispetto a qualche anno fa sono cambiata, e non di poco. Intanto vedo come fare per acquistare il tuo, mi guardo intono :))

      Elimina

Per chi commenta in anonimo: lasciare Nome e Nick o URL