mercoledì 12 giugno 2013

Verso Shambhala

Mi piacciono quegli animi appartati 
quasi inselvatichiti dall'assenza di prossimità 
gelosi custodi del  proprio silenzio.
In quegli animi sboccia il fiore dell'ascolto 
che si fa vento e  si fa distanza 
se solo provi a toccare con mano 
il pulsante centro, il soffio di psiché.
In quegli animi trovi  i passi del tuo addio 
che  si fa ieri e si fa domani 
se cogli al volo, come becco rapace
l'esile  fiammella che vien porta.
Mi piacciono quegli animi appartati 
che sanno dare ciò che la mente chiede, 
che accolgono senza troppo stringere. 
standoti accanto, verso Shambhala.



Nota: ringrazio Thanos per lo splendido brano

14 commenti:

  1. Queli animi appartati ti somigliano e pochi "fiori dell'ascolto" profumano come il uo fiore.
    Bentornata.
    Posso abbracciarti?
    .-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie , Tony, non mi piacciono i complimenti, ma in questo tuo mi ci riconosco :)
      Abbraccio ricambiato, bentornato tra le mie Note :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. ... ci sono animi che si somigliano, Andrea :)
      Affinità?? Empatia?? Non lo so, ma ci si ritrova...

      Elimina
  3. io mi contento di leggervi ...
    e già è fortuna
    condividere scenari di parole, poi ... è un cammino

    un abbraccio cara
    forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggersi è già partecipare, condividere, cara Anna :))
      Condividere scenari di parole, come egregiamente scrivi tu, conferisce una vicinanza intellettiva non da poco.
      Abbraccio ricambiatissimo :)

      Elimina
  4. Anche a me piacciono quel tipo di animi:)

    e' stupenda questa poesia!

    ciao e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...vedo che piacciono a molti!
      Ciao Egle :)grazie infinite

      Elimina
  5. Giuseppe ho combinato un guaio :(
    Per correggere alcuni errori nella mia risposta al tuo commento, ho cancellato il tuo di commento. Spero mi perdonerai. Per fortuna avevo la pagina aperta sul tuo commento e l'ho ricopiato integralmente
    Eccolo:

    giuseppe armando13 giugno 2013 22:30
    ..... ciò che la mente chiede.
    Ma la mente non chiede, ipotizza.
    Chi chiede è il cuore, attrtaverso l'intelligenza che, nella sua forma più elevata, è Amore.
    Con tanti premi letterari, da fiere del caciocavallo, a questa poesia dovrebbe essere conferito, almeno, il Nobel. Complimenti.

    Ed ecco la mia risposta, chiedo ancora scusa

    Sono di ritorno da una grigliata, Giuseppe, dove il caciocavallo è andato a ruba :))) ad aver letto prima il tuo commento, mi sarei fatta premiare lì, ne avevano i titoli (come sai il caciocavallo è un prodotto calabrese, silano per la precisione :))
    A parte la battuta (me l'hai levata dalle dita :)) posso scrivere così?)... il cuore è solo un muscolo, niente di più. E' la mente il centro del tutto... da lì parte odio e amore, pietà , cattiveria, affetto, simpatia... insomma tutto :)

    La mente chiede, anche. Non ipotizza soltanto... le domande della mente , se non espresse son domande mute, che solo alcuni animi, alcune sensibilità riescono a cogliere, ad "ascoltare"... e quindi a "dare risposte" :)
    Grazie:)

    RispondiElimina
  6. Tu sai, Francesca, dove risiede il pensiero, i sentimenti, le emozioni? e con quale metodo scientifico potresti dimostrarlo ( non essendo il pre-giudizio metodo scientifico?). Io sospetto che nascano col contributo di ogni nostra cellula, ogni nostro tessuto, che siano influenzati anche da fattori esterni al nostro corpo ( semplici come umidità temperatura...odori, sapori, rumori, suoni... per non parlare delle immagini.. una coccinella, un coleottero... ma anche inanimate come il profumo e la fragranza di una magdaleine).
    La mente ipotizza perché la sua struttura è finalizzata a costruire immagini, elaborare funzionamenti ed individuare modifiche perfezionanti.Il cuore? Per gli egizi, che lo conservavano nei canopi, mentre distruggevano il cervello estrendolo a pezzetti dal naso per mummificare la salma, era ciò che consentiva afaraone di entrare nell'aldilà: solo se il suo cuore era più leggero di una piuma.
    Non siamo macchine preordinate, sentiamo anche con l'esperienza, coi ricordi che ci sensibilizzano nell'ascolto ed inducono alle risposte. Ed ogni volta, ogni istante, ci modifichiamo, evolviamo ... se la pseudo razionalità del nostro cervello, con le sue inibizioni e l'ottusa rigidità dei suoilimiti, non ci blocca.
    Quella poesia che ha nome di caciocavallo come si griglia? :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove risiedono pensiero, emozioni, sentimenti??? Nel cervello, Giuseppe, l'amigdala è preposta a questo.
      Ritengo la tua visione bella, suggestiva, poetica e probabilmente è vero, "sentiamo" con la pelle, con tutti gli altri organi di senso, ma... da dove arrivano gli impulsi??? Perché quando si ferma il cervello si ferma tutto??
      Io sono incompetente, lo so, e per come son fatta mi mi piacerebbe molto che fosse il cuore il centro delle emozioni, come per gli egizi che citi. Anzi che fossero tutti gli organi, ogni singola cellula... Ma per quel poco che so non è così. E non c'entra nulla la razionalità, almeno per me. Mi ritengo una persona conscia del suo continuo divenire, riesco a cogliere il mio continuo mutamento, perché so bene di essere un'animale sociale, immerso in una società mutevole ed in costante cambiamento :)
      Come si griglia??? :)) Il caciocavallo è un formaggio versatile... per la griglia si fanno delle grosse fette che vanno poste sulla griglia e l'alta temperatura fa si che si rosoli esternamente, e velocemente, senza fondersi. Ma a Shambhala non mangiano caciocavallo, si nutrono di altro... si nutrono di Amore :))

      Elimina
  7. io mi sonno lasciato avvolgere dalla possibilità di identificare in maniera chiara ed estesa la potenzialità di certi animi, la musica di Glass ad accompagnare ogni microciclo che si espande in moto di pensiero perpetuo.

    "becco rapace" Ray :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La musica di Glass rende perfettamente, Ray, l'idea del microciclo in espansione perenne di certi animi :))
      Sì, hai colto al volo, come ben fanno i rapaci, il senso in prospettiva della poesia :)))

      Elimina
  8. Che poi, Giuseppe, stamattina a mente lucida, rileggendo la mia prima risposta mi sono accorta che ho combinato un "guaio" per nulla, non ho mica corretto l'errore!!!
    L'errore che volevo correggere era: [ riescono a dare risposte appropriate, che potrebbero essere anche risposte "mute" :)))]

    RispondiElimina

Per chi commenta in anonimo: lasciare Nome e Nick o URL