venerdì 5 luglio 2013

La notte


Passerà questa notte infinita 
lungo i margini dell’aurora
camminando  con  passi felpati
sulla ruggine dei miei ricordi.

Passerà questa notte agognata
sfilacciando le ombre  in riflessi di luce
lusingando con carezze di sogni
un cammino di sguardi in salita

Passerà questa notte  sospesa
scivolando su onde   ruggenti
su reti impigliate ai confini del vento
stravolte dal flusso incessante di vita

 Mi arrendo docilmente  alla musica delle tue parole



immagine di Sciac

16 commenti:

  1. un lento blues di sottofondo ... un pensiero che si adagia nella notte ... ora va bene così, sospendendo i pensieri

    solo corpo respiro suoni notturni brezza lieve e nulla più

    questa la sensazione che ho provato leggendo la tua bellissima composizione, come una carezza prima di mollare i controlli della mente ...
    ci vorrebbe ogni sera

    RispondiElimina
  2. ... passi lievi nella propria intima sensibilità, emozioni sospese tra inevitabile e consapevole sofferenza ed altrettanto consapevole accettazione.
    Ciao Anna, un abbraccio

    RispondiElimina
  3. ecco si consapevole accettazione ... salvifica
    difficile abbandonarsi ad essa

    ma se si riesce è buono

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono fermamente convinta che la consapevolezza si possa imparare, che si debba coltivare giorno dopo giorno, mettendosi in vera (ovvero che non soggiace ad automistificazioni) comunicazione con se stessi.
      Ma dedicherò un post alla consapevolezza :)
      Ciao Anna
      F

      Elimina
  4. ..a volte "arrendersi" è il modo assoluto per risvegliarsi e percepirsi..

    un bacio grande..
    m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, Moni!!!
      Un bacio a te :))

      Elimina
  5. Per fortuna, dopo il buio viene sempre la luce e ogni notte è seguita dal giorno. Ma la notte è anche il momento del riposo, dei sogni, dell'abbandono, e può essere magica.
    Io questa notte ho visto più volte accendersi delle luci nel cielo, prima una, poi due, poi quattro...Erano colore del fuoco, avevano raggi come stelle e, con il cannocchiale, si vedevano rotonde come palle sfaccettate. Cosa saranno state mai? Si sono avvicinate e poi sono magicamente scomparse. Magia della notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo che il buio e la luce siano un'unica cosa, Kathe :) ... che viaggino insieme.
      Nella notte, nel momento più buio della notte, già si approssima l'alba :)
      .... ehm Kathe, mica avrei visto degli Ufo??? :)))
      La descrizione è quella!!!!

      Elimina
  6. coe entrare in sensazioni che ti appartengono.

    sheraunabbraccioneltemporale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sensazioni comuni,Shera, ma peculiarmente proprie :)
      Ricambio l'abbraccio

      Elimina
  7. Questa tua notte, così reiterata, s'impone in passi di-versi...e nell'abbandono della chiusa c'è quell'attimo, prima di cadere nel sonno, che offre bagliori inaspettati, un salto in altro universo. Altro da qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un Altrove, Frantzisca... un Altrove da disegnare :)

      Elimina
  8. E' una notte in abito da sera, notte che si attende e si sospende, notte che non diventa giorno se non quando essa decide, notte che stringe ma non costringe, notte di storia, che rigenera il tempo senza tenere il passo. Quella notte che comunque ti stupirà, e se per caso ti farà schiavo, non avrà mai il coraggio di torturarti...

    La tua notte è da canzone, struggente, intimista, illuminata di luce intrinseca.
    Chapeaux ! :-)

    Simo . Ray

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti, che accetto di buon grado, ma lasciami dire che le tue parole son musica, Simone ... hanno una melodia che travalica la poesia e il suo orizzonte. E' poesia il tuo commento :)
      Un sorriso :)

      Elimina
  9. sì...come una carezza che si posa lieve sull'anima....

    lu

    RispondiElimina

Per chi commenta in anonimo: lasciare Nome e Nick o URL