mercoledì 23 ottobre 2013

Terry, internet e gli umani

Caterina faceva scivolare con leggerezza le dita sui tasti del pianoforte da cui scaturiva una musica dolcissima e triste, le note di River Flows In You si liberavano nell’aria come petali di taraxacum. Il cane la guardava attenta ed ogni tanto emetteva un piccolo suono  verso di lei, in una conversazione diretta che, però, la sua amica umana Caterina, non conoscendo la lingua dei cani, non comprendeva.
<<Non ti piace questo brano Terry? Vuoi che ti suoni Chopin?>>
Terry  brontolò leggermente; avrebbe voluto risponderle che no, per quella sera andava bene quel brano. Avrebbe voluto raccontarle che quel giorno, mentre era affacciato, come il suo solito, dal muretto di cinta del giardino,  aveva visto una cagnetta che lo aveva ignorato, nonostante tutti i suoi sforzi per fare amicizia  e che ora era un po’ triste e quel brano si adeguava bene al suo umore.



Ma perché Caterina, che fa mille cose in un giorno, non impara la lingua dei cani??, pensò.
D’un tratto la sua umana abbandonò il pianoforte, come colta da un pensiero improvviso e improcrastinabile, avvicinandosi al telefono quasi  con irritazione: era la mille millesima volta che chiamava il 187, spiegando all’operatore di turno che la sua navigazione web non superava  i 0,30 MB. L’operatore precedente  le aveva chiesto di staccare i telefoni e spegnere il modem, dopodiché aveva effettuato un reset sulla linea ed ecco che, magicamente, si era ritrovata a navigare a sei MB. Fantastico! Ma per poco, e così era successo con tutte le telefonate precedenti, con operatori   che le davano sempre spiegazioni diverse, e con influssi dialettali che svelavano una provenienza regionale sempre diversa. Ogni volta sembravano  risolutive, ma lei si ritrovava sempre punto e daccapo.
Ora questo qui  le stava dicendo che, probabilmente, c'era un problema sulla linea e che avrebbe mandato un tecnico a visionarla.
<<Mah! Speriamo bene Terry!!!>>  esclamò Caterina rivolgendosi al cagnolino che l’aveva seguita  presso il telefono, e che ora la guardava con un sogghigno, ma che, essendo un sogghigno canino, Caterina non aveva notato.
Dopo due giorni si era presentato alla porta un tecnico, venuto a controllare questa strana situazione. Aveva verificato che al piano terreno, dove si trovava il router collegato al computer fisso, non c'era  assolutamente linea mentre, al piano di sopra, il segnale arrivava a sei MB.
Era sceso, salito e  aveva manovrato, controllato, sempre sotto l’occhio vigile di Terry, che  temeva che l’intruso volesse spostare la sua  bella cesta trapuntata, che  da sempre  faceva bella mostra di sé nella stanza del pc. Lo sapeva questo strano omino tutto impettito e saccente, che lui doveva stare in quella stanza altrimenti Caterina si sarebbe sentita sola e chissà quali disastri avrebbe combinato se non ci fosse stato lui???
Quando l’omino, poi, aveva  suggerito di chiamare un elettricista per sostituire i cavi difettosi che portavano al piano terreno, oppure di spostare il router al piano superiore, Terry si era abbandonato a un riso sfrenato, rotolandosi sulla sua poltrona (...sì, la sua. Che ogni tanto cedeva a Caterina, ma questa è un’altra storia). Poteva permetterselo, nemmeno l’omino conosceva la lingua dei cani. 



Quando però, Caterina e il marito, avevano scoperto di non avere proprio la linea telefonica, si era sentito un po’ in colpa. Li aveva sentiti ansiosi, preoccupati ed avrebbe voluto rassicurarli, dir loro che conosceva la causa di quel problema, ma lo avrebbero capito? E poi, da solo, non poteva far molto, meglio aspettare la notte per agire!!! I sensi di colpa aumentarono, però, quando sentì che il suo amico Maurizio,  il figlio di Caterina e suo compagno di giochi, cercando di collegarsi con il tablet aveva scoperto che lo stesso  segnalava l'assenza della sim e, ovviamente, non si connetteva in quanto la scheda sembrava  si fosse smagnetizzata.
Aspettò che tutta la famiglia  andasse a letto per non essere scoperto, poi si avvicinò  allo spioncino della porta ed emise due sonori fischi. Potevano sembrare guaiti ma, nel linguaggio dei cani,  erano un richiamo ed erano diretti al folletto di casa, Ptciù, che si era allontanato da qualche giorno per andare  a trovare degli amici. Una nube di passaggio si incaricò di portare il messaggio a Ptciù, il quale, preoccupato, si affrettò verso casa.

Che c’è? Che è successo per richiamarmi con così tanta urgenza??? Chiese, con un pizzico di collera,  Ptciù a Terry
Ma quale urgenza, sei partito da  quasi una settimana, era ora che tornassi, no? Comunque ti ho chiamato perché abbiamo un problema. Quella polverina magica che abbiamo messo  nella presa della corrente, nella speranza  che  restando isolati  Caterina e gli altri mi avrebbero coccolato di più, ha causato molti problemi ed ora son tutti infuriati. Devi far qualcosa e subito, non ce la faccio a vederli così adirati !!! rispose Terry
Terry sei un ingenuo! Ma cosa ti aspettavi dagli umani???  Loro hanno i loro tempi, i loro passatempi, le loro idiozie cui vanno appresso: e foto, e musica, e internet,  e traqquetequà, e la nonna che fa le bizze, e i vicini che non stanno zitti un minuto, e la scuola, e il lavoro … insomma hanno sempre da fare e da lamentarsi, non se ne può più!! Comunque rimettiamo a posto tutto, vado di volata al covo dei folletti a prendere un altro po’ di polvere magica e torno.

Il giorno dopo a casa di Caterina era tornato il tecnico in carne ossa, che aveva  rimesso in funzione i telefoni spiegando anche che ci si trovava in data 17, che notoriamente porta jella. Quando aveva sentito  quell'umano pieno di sussiego che pronunciava la parola "jella", Terry si era messo a ridere della grossa, rotolandosi sul pavimento per il troppo divertimento. Caterina l'aveva preso in braccio per calmarlo:
<< Ma che hai Terry , che ti è preso?? Non ti ci aggiungere  pure tu adesso!!>>
Terry l'aveva guardata negli occhi, serissimo, e grazie al potere temporaneo che gli aveva donato il folletto,  si era messo in comunicazione con la mente della sua umana, spiegandogli per filo e per segno cosa avrebbe dovuto fare.
Immaginatevi la sua meraviglia quando l'indomani,  al telefono con la sua amica Perla,  le sentì dire:
<<...Si può camminare in casa con un cavo che attraversa il corridoio con la sicurezza di non inciamparci dentro e mandare tutto all'aria? Impossibile!  Ero proprio arrabbiata, avevo fatto un gran trambusto che non era servito a niente poiché la velocità di connessione era ritornata a 0,30 mb, così ho tolto la sedia e il filo volante, ho  preso il router e l'ho rimesso al posto dove è sempre stato, al piano terreno, collegato al pc fisso. Al diavolo Alice, i cavi consumati, la scheda smagnetizzata, vada come vada! Ebbene, ci crederesti? Da quel momento la navigazione si è stabilizzata a quattro MB e anche il tablet si è magicamente connesso alla sua sim, che non era più smagnetizzata>>.
Mah!! pensò Terry, questi umani sono molto presuntuosi, quando non sono sussiegosi e parlano di jella, ecco direi che sono quasi stupidi ed irriconoscenti... ma se sono stato io a suggerirle cosa fare  per aggiustare tutto!!!


Racconto scritto, a quattro mani, da  Katherine e da Perla

26 commenti:

  1. Questo racconto nasce da un post di Kathe (trovate il link a lato o cliccando sull'ultimo rigo) sulla (dis)avventura del modem e della connessione cui si è trovata a far fronte nella scorsa settimana. L'idea è stata fulminea, leggendo il post, ne ho parlato con Kathe, ed ecco il risultato :)
    Avrebbe potuto avere come titolo anche "quando la realtà supera la fantasia" :)

    RispondiElimina
  2. Grazie mille, anche da parte di Terry! L'ho ribloggata anch'io! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Divertente :-) A volte certi tecnici sono dei cani (pardon peggio!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... diciamo che son così, chiedendo scusa ai cani :))))

      Elimina
  4. Stamattina gli alunni mi hanno accolta correndomi incontro e tempestandomi di domande: " Com'è finita con la polverina magica? L'ha visto anche lei lo gnomo?..."

    Quelli che non avevano letto la storia non capivano nulla e mi guardavano con aria attonita. Poteva passare il fatto che i loro compagni straparlassero dicendo cose senza alcun senso logico ( lo fanno spesso, eheheheh!) ma che anche la prof stesse al gioco e capisse quegli strani discorsi su cani, gnomi e polverine, era veramente inaudito!
    Devono aver pensato che sia impazzita anch'io...:D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo Kathe, il racconto ha superato la prova più temibile, quella dei ragazzi!!
      Ora possiamo pure pubblicarla come fiaba, vediamo se riusciamo a trovare un qualche disegnatore amico :))
      Forse, Kathe, ora li hai più vicini, ti sentono una di loro :)))

      Elimina
  5. Già...infatti mi hanno urlato nelle orecchie lasciandomi frastornata eheheeheheh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma scommetto che non ti hanno dato fastidio queste urla :)
      Non sono una insegnante curriculare, ma conosco bene i ragazzi... so che quando si arriva al loro cuore ci si sente quasi degli eroi!! :))

      Elimina
  6. Però quando un giorno ancora assai lontano anche i cani useranno la rete diranno che sono stati i piccoli umani che li accudiscono a non capire nulla! Sai che se ne potrebbe fare la sceneggiatura di un film? Dico sul serio....mettici il copyright Perla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhmmm un finale come lo hai prospettato tu, Enzo, mi piace assai!!!
      (C'è un film che me lo ricorda... il pianeta delle scimmie??? boh!)
      Il copyright c'è già, Enzo, è una licenza Commons che potrei far valere in qualsiasi momento :)

      Elimina
    2. Il pianeta delle scimmie! Ma certo, quello degli anni 70 però con C. Heston, chi se lo ricordava più.

      Elimina
  7. Allora erano per colpa di Raspy tutti i problemi che ho avuto ultimamente col pc!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto MG :)))))--- sei sicura che non hai dimenticato qualche volta i croccantini???? :)))

      Elimina
  8. Eh si, le problematiche della linea son davvero molto spiacevoli. Specie perchè l'incompetenza dilaga. Almeno gli animali ci metton l'affetto, cosa che i tecnici nemmeno conoscono di striscio.
    Un sorriso per il fine settimana.
    ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con il sottinteso di questo commento: gli animali sono migliori dei tecnici :)))
      Un sorriso anche a te :)

      Elimina
  9. il gioco delle parti Kathe e Perla. avete studiato con divertimento la lingua degli animali voi due. quasi bene. se rimane ancora l'insoddisfazione finale di Terry lui deve aver pazienza.e gioire di questa storia fiaba mago di Oz tutta per lui.un Alleluia a musica io vi regalo. Ora diciamo non va lasciata andare la storia. deve avere un seguito. con le vostre mani. Terry che aiuta gli umani a vivere con meno stress e rivendica le coccole necessarie. Sì le strisce a fumetti come Raspy. che restano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non proprio un seguito, Nheit, ma di sicuro ci saranno un altro paio di avventure di Terry... ho adocchiato una storia, da Kathe, che è possibile trasformare in fiaba :))
      Ma ci vorrà un po' di tempo, ora sono straimpegnata e non posso.... sarà bello farlo nelle fredde serate novembrine o dicembrine :)))))

      La lingua degli animali è semplice da decodificare :)... è fatta di semplicità e di amore.

      Elimina
  10. ...bellissimo...mi è proprio piaciuto...bravissime tutte e due....davvero...ed ho trovato, come dire, emozionante, l'entusiasmo degli alunni...
    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I bambini son diretti, almeno fino a una certa età!
      Lietissima che ti sia piaciuto il raccontino :))
      Un sorriso

      Elimina
  11. Un raccontoleggero (leggiadro) proprio adatto ad una sera di prefesta.
    Bravissime entrambe

    sherynonterrymastessoabbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona Shera :)))
      ...è una semplice fiaba :) scritta di getto!

      Elimina
  12. io sono un appassionato di favole, e per me questa è una favola moderna. Grazie ad entrambe per avercela regalata, e poi anche con la colonna sonora !
    Una sera, su diretta richiesta, vidi sul monitor del mio PC una assistente della Telecom che pungolava la mia scheda di rete, ammettendo che stavano facendo degli esperimenti sulla linea locale... ma non fu così avvincente...
    Complimenti :)

    Simo - Ray

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhmmm... raccontaci qualche altro particolare, Simone, e tiriamoci fuori una fiaba, dai!!! ... sul tuo blog stanno benissimo, visto il titolo :)))
      Anche io amo molto le fiabe, è il mio lato "bambino" che non è mai cresciuto, forse :))

      Elimina
    2. io ho già salvato questo testo nella mia collezione privata di favole moderne, secondo me è già perfetta così, ricorda la forma che utilizzava Gianni Rodari ... con la chiave di lettura di un animale simpatico e birichino che si sorprende della nostra esasperazione, e giustamente non comprende come a lui servano ben altre attenzioni ... e nonostante faccia di tutto anche per rimediare, è lui a non sentirsi infine non compreso.
      Grazie ancora, anche alla tua amica !

      Ps. sopra non riesco, un pensiero a Lou Reed anche da parte mia, era giù nella storia della musica, voglio ben sperate che arrivi all'immortalità del suo genere. Ha influenzato molto delle mie scelte musicali nella mia gioventù, e sono anche un grande fans di sua moglie Laurie Anderson, altro dolce genio che saprà ricordare il suo "selvaggio amore" nel migliore dei modi.

      Simo

      Elimina
  13. GRAZIE A TUTTI, PROPRIO A TUTTI, MA INNANZITUTTO A KATHE CHE, CON LA SEMPLICITà CHE LA CONTRADDISTINGUE, HA RACCONTATO UNA AVVENTURA CHE GIA' SEMBRAVA UNA FIABA, CON TANTO DI LIETO FINE!!!

    RispondiElimina
  14. Grazie a te, Perla, per aver trasformato in fiaba la mia avventura e grazie a tutti voi che l'avete così bonariamente commentata!

    RispondiElimina

Per chi commenta in anonimo: lasciare Nome e Nick o URL