mercoledì 8 gennaio 2014

Quando ti bacio



Dal titolo di una poesia di Paul Fleming (1609-1640) a Elisabeth

Quando  ti bacioCandu ti basu

Quando ti bacio
non è solo la tua bocca
non è solo il tuo ombelico
non è solo il tuo grembo
che bacio
Io bacio anche le tue domande
e i tuoi desideri
bacio il tuo riflettere
i tuoi dubbi
e il tuo coraggio

il tuo amore per me
e la tua libertà da me
il tuo piede
che è giunto qui
e che di nuovo se ne va
io bacio te
così come sei
e come sarai
domani e oltre
e quando il mio tempo sarà trascorso.



Erich Fried

Candu ti basu
no est sceti sa bucca tua
no est sceti su bìddiu tuu
no est sceti sa brenti tua
chi basu
deu basu puru is preguntas tuas
is disìgius de tui
basu su pentzai tuu
is dudas tuas
e-i su coràgiu cosa tua

s'amori tuu po mimi
sa libertadi tua de mei
su pei tuu
chi nd'est acostiau inoi
e chi si nd'àndada torra
deu basu tui
aicci cumenti sesi
e cumenti as a èssiri
crasi e apustis
e candu su tempus cosa mia at a èssiri passau

Traduzione in campidanese a cura di Bardaneri




Rodin- Il bacio


Un bacio. Ma  cos’è poi un bacio? Un giuramento fatto un po’  più da vicino, una promessa più precisa, una confessione che cerca una conferma, un apostrofo rosa fra le parole t’amo, un segreto soffiato in bocca invece che all’orecchio, un frammento d’eternità che ronza come l’ali di un' ape, una comunione che sa di fiore, un modo di respirarsi il cuore e di scambiarsi sulle labbra il sapore dell’anima!


Edmond Rostand - Cyrano De Bergerac

11 commenti:

  1. Quando si dice rinverdire una buona usanza :)))
    Bardaneri ha tradotto questa poesia ed io ne approfitto per pubblicare entrambe qui, riprendendo quella che era una nostra collaborazione in tempi passati.
    Lo ringrazio infintamente, ponendo alla vostra attenzione la bellezza, la musicalità della lingua sarda :)

    RispondiElimina
  2. In effetti la lingua sarda ha una sua musicalità (penso sempre ad Andrea Parodi, è più forte di me).

    RispondiElimina
  3. Non conosco per niente il sardo, e ho letto una decine di volte la traduzione di Bardaneri per sentirne più fluida, alla mia lingua impacciata, tutta la melodia. Bella! Belle entrambe!

    Ah, voglio un bacio così! :)

    Adesso mi caccerai a pedate, ma leggendo "un apostrofo rosa fra le parole t’amo" di Rostand, mi sono ricordata di una "dissacrazione" di PV (che vedo tra le tue Parole Note).
    Eccola.

    Un grande bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ant, peccato, non ci conoscevamo ai tempi di Agorà :)
      Spesso e volentieri Barda traduceva quel che io chiamavo poesie... in più mi aveva fornito un dizionario della lingua sarda ed avevo imparato qualcosina. Sì, anche io ripeto, rileggo molte volte il testo per acquisirne la musicalità :)
      La vignetta mi ha fatto sorridere!! :)... La conoscevo a dire il vero, PV è anche tra i miei amici di FB, quindi sono aggiornata :))
      Grazie, ricambio il bacio :)

      Elimina
  4. Baciare per come sarai è quello che la gente oggi ha dimenticato.
    Al3ph

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... visto che ognuno vive a fatica persino il presente, dici, Aleph? :)

      Elimina
  5. ma che meraviglia l'ultima lettura prima di chiudeere tutto.

    sherabbbuonanotte

    RispondiElimina

Per chi commenta in anonimo: lasciare Nome e Nick o URL