venerdì 21 febbraio 2014

Ma la vita l'è bela , l'è bela, basta avere l'ombrela....

L’altro giorno, soffocata dal lavoro (e dai pensieri non proprio brillantissimi, alias paturnie)  ripensavo alla vita come me la raccontava mia nonna, come me la racconta mia mamma e, in parte, come ho vissuto io stessa.
Modelli comportamentali  che non esistono più, tipo la coerenza, la gentilezza, la lealtà, oppure  tempi che non esistono più, visto che tutto viaggia velocemente, dalle idee alle parole….. ed il tempo stesso che  non basta più.
Con i miei colleghi di lavoro, per farvi un esempio, abbiamo deciso di andare a mangiare una pizza ma, nell’ordine: prima  io mi son buscata l’influenza, poi uno doveva partire per affari familiari, poi un altro ha litigato con la moglie … E via  cosi da ben tre settimane  solo per una pizza, vi rendete conto?
Di contro non passa giorno che io  non apra internet. Certo che  se certe invenzioni ci hanno semplificato la vita, altri ce la hanno complicata alquanto!

Voi ve lo sareste immaginato il mondo se facebook fosse sempre esistito? Qualcuno lo ha fatto, con risultati esilaranti :)  ve ne posto due esempi!



17 commenti:

  1. Caro Giordano, sul blog di Bellarmino dicono che tu hai sparlato della nostra Santa Religione.
    Caro Giordano c'è un commento di Clemente VIII che riferisce che saresti ATEO
    Caro Giordano Bellarmino ha indetto una riunione in streaming di tutti i cristiani per esprimere il loro voto.
    Caro Giordano 4200 cristiani hanno chiesto le tue dimissioni e 1 no.
    Cao Giordano sarai messo sul rogo assieme a quel cristiano che ha votato contro, dio e le stelle sono con NOI:

    RispondiElimina
  2. Grande Ben :)
    Sei riuscito a collegare due post, uno a cui tengo molto, quello su Giordano Bruno. In altri tempi lo avrei aperto alla conversazione.... :)
    Grazie, ho apprezzato molto :)

    RispondiElimina
  3. in altri tempi con Giordano Bruno. Perla quando passi a Capo dei fiori ti vedo Lo guardi di sottecchi da lontano e poi pian piano t'avvicini a catturare il suo sguardo.occhi negli occhi. folgorazione di menti . a riprenderti la scintilla che l'ha sorretto . che alimenta la rivolta. da portarsi a casa. e chi ti incontra dopo non sa mai cosa hai addosso di così strano ed inquietante . e ti teme pure.
    il gioco con Fb fa ridiventare persone umane figure dell'Empireo danno loro le stizze e le acidità giornaliere che certo avevano tra un intervallo e l'altro delle loro grandezze. ti immagini un dialogo tra Anna di Bolena ed Enrico VIII ? e le tenerezze iniziali e poi le furie di parole e le gelosie delle madamigelle che aspirano al posto di Regina ? la ghigliottina come clic immagine - e su you tube la testa di lei che rotola. . Mi manca quel castello a Londra a sera di nebbia quando non c'è più gente. e le corncchie stridonoa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci andremo insieme a Campo dei fiori, Nheit :)
      Spero in maggio di farmi una mini vacanza a Roma.... così potremo improvvisare dove fu bruciato un dialogo simile a quello che ha postato Ben :)
      Anna Bolena e Enrico, dici??? Ci penso su :))))

      ps: grazie per Moby Dick :)

      Elimina
    2. povero Giordano Bruno. pensa da quanto tempo sta con il volto rivolto in direzione della Città del Vaticano. sguardo sprecato. Ora proviamo a girarlo un po' dall'altra parte dunque Via nazionale Piazza Colonna e virata a Palazzo Chigi. che fissi bene il Palazzo dove marcio regna ancora il conflitto d'interessi. Per Enrico circolano sui giornali le lettere ad Anna Bolena. piene di sentimento. troppo intime .c'era notevole privacy in quei tempi. se ci fosse stato FB aperto al pubblico vedi che scintille di partecipanti...

      Elimina
    3. ah... tra poteri marci, non se sia più quello della chiesa (che ha molti scoli di esperienza) o quello della politica, che ha meno esperienza ma molta più arroganza :)
      Su Enrico confesso di non aver mai letto le lettere dirette alla Bolena, le devo cercare :)

      Elimina
  4. se m'avessero convinto da bambino che a lungo termine comportarsi gentilmente, con cortesia e disponibilità avrebbe portato ad effetti controproducenti avrei fatto di tutto per farmi mettere in riformatorio, al fine di evitare stati di sudditanza che non riesco più a sopportare. Mi sa che sto andando fuori tema, casomai perdonami, passavo per un saluto e sono felice che tu abbia ricordato Francesco leader del Banco - sopra non riesco a scriverlo - e proprio con una canzone che avrò sempre dentro (...Vola via verso un vascello fantasma... vola via verso una terra promessa ....Moby Dick .. bada a te .. se ti innamorerai...)
    Grazie - Simo Ray

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fuori traccia??? Non si va mai fuori traccia, qui si "conversa" a ruota libera su quel che più ci piace, Simone :).... e poi proprio quest'argomento lo si sta sviluppando anche su un altro blog :))) quando si dice il caso!
      E' vero quel che tu dici, se sei gentile e disponibile ti stritolano, ci camminano sopra... in ogni caso io preferisco non adeguarmi all'andazzo e a continuare a preferire certi valori. Anche se ciò potrebbe farmi sembrare debole e buonista...

      Io me la ero persa questa canzone... è stata Nheit a ricordarmi questo brano e la sua valenza emozionale.
      Ciao, Simo, un abbraccio :)

      Elimina
    2. Ho dimenticato di rispondere su una cosa: quando io copio qualcosa, che sia una poesia, che sia un brano o un quadro e non scrivo niente di mio di solito tolgo la possibilità di commentare poiché non lo trovo ...come dire, etico. Quale è stato lo sforzo per me? Copiare una canzone, mettere il relativo link youtube e una foto? Questo non è fare blog, a mio avviso.
      A volte capita che riporto qualche articolo che trovo interessante ragionarci sopra, ma capita davvero di rado e cito, ovviamente, sempre la fonte.
      Quindi nn avercela se non puoi commentare :) ti ho illustrato come la penso :)

      Elimina
    3. Ma no ti capisco, anch'io spesso blocco i commenti, o quando "estraggo" senza metter penna o quando posto solo per mio ricordo :)
      S.

      Elimina
  5. una bella voce quella di Francesco Di Giacomo. bella .grande artista. la sua musica ha accompagnata giorni andati e ha rincuorato questi e sempre lo farà . grazie Perla Simone di ricordarlo insieme

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Nheit :)... ti rispondo anche per Simone :) so che lui apre i blog una volta a settimana si e no, quindi non credo ripasserà da qui prima di fine settimana:)
      (e comunque son pochi, siamo pochi, quelli che tornano su un blog a leggere le risposte!)

      Elimina
  6. Se in passato ci fossero stati fb, twitter ed i blog forse avremmo tanti capolavori in meno, perché gli autori avrebbero avuto qualche distrazione in più.
    Al3ph

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aleph ci conosciamo da relativamente poco , ma una cosa mi permetto di dirtela :) tu tra tantissime qualità, hai, ai miei occhi, un piccolo difetto: sei sempre molto "serio" :) Sbaglio? :)

      Elimina
    2. sbagli. :)
      Fr.

      Elimina
  7. Temo che sia SOLO molto rispettoso di sè e degli altri, come del resto molti dei passeggeri di Verba Ludica, escluso il sottoscritto che rischia sempre di sembrare un Marziano a Roma senza purtroppo essere Flaiano.

    RispondiElimina
  8. ...fantastica...
    per fortuna non c'era tutto sto po po....
    ma forse, talmente grandi erano e sono...che li avrebbero tenuti alla larga... forse!!
    un bacio..
    m.

    RispondiElimina

Per chi commenta in anonimo: lasciare Nome e Nick o URL