domenica 11 maggio 2014

Grazie, Capitano!!

Un capitano è grande per definizione, altrimenti la fascia non sarebbe degna di stare su quel bicipite. Che se giochi nell’Inter è pure destinato a sollevare trofei importanti. Quello che è successo ai leader morali (e non solo) che hanno fatto la storia nerazzurra rappresentando un esempio in campo e fuori. Da Duracell Zanetti che corre ancora più di tutti (fino a ieri sera ) al Cipe Facchetti che guida dall’alto le azioni e i pensieri interisti, passando per lo Zio Bergomi e due icone in bianco e nero come Giuseppe Meazza e Armando Picchi. 


5 commenti:

  1. iuventino per caso a 8 anni senza aver mai visto una partita di calcio, nè allora nè adesso, mi inchino all'entusiasmo di una cara amica.

    RispondiElimina
  2. Non condivido i colori ma la passione si! E comunque i bravi calciatori sono tali a prescindere dalla maglia che indossano; il valore, quando c'è e in ogni campo, va riconosciuto sempre, secondo me.

    RispondiElimina
  3. ma che lingua parli?!?!?
    non ti riconosco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. interpretazione mia: la lingua della follia e dell'entusiasmo libero da condizionamenti quando niente è per forza male per altri, quella della gara spavalda e incondizionata che alla fine regala una vittoria (si spera) senza danni e senza peccato ...

      Elimina
  4. Ahhaha! Dea, mi hai fatto ridere di cuore!! Beh noi due non abbiamo mai parlato di calcio, mi sa... ma io son interista da sempre!! Il brano però non è mio, l'ho copiato dal sito dell'inter, ho dimenticato di virgolettare :))
    Grazie a te, Gabriella (bentornata!) e Ben... anche se quest'ultimo è un gobbo! ;:))))

    RispondiElimina

Per chi commenta in anonimo: lasciare Nome e Nick o URL