giovedì 8 maggio 2014

L'alba

Le imposte accostate,  solo una debole luce  filtrava attraverso le tapparelle. Lei se ne stava lì, senza pensare, senza far niente: ascoltava solo il battito del suo cuore.
Sul tavolino una bottiglia di Greco di Bianco, sfidava quel silenzio.

Un caos di sommosse il cuore
incerto il procedere
mentre ogni fibra di me
canta risveglio alla vita.

Eros che pretende il suo tributo
stacca convulsamente euritmie improvvisate
nel mentre che, freddo, avanza mutamento
verso desideri antichi, eppure nuovi.

Alzò il calice pieno per metà di quel nettare giallo tendente all’ambrato, ne inalò gli effluvi che rimandavano a visioni infantili di gioiose scorpacciate di mandorle e noci, poi portò alle labbra il bicchiere, brindando alla solitudine che le riempiva l’anima.
Indossò le cuffie ed avviò il lettore cd. Le note struggenti di Almost blue le pervasero lentamente l’anima e si fusero con il silenzio.
Chiuse gli occhi sul mondo, lasciando che la sua mente fluttuasse nel  nulla..
Era l’alba.




7 commenti:

  1. Almost blue in questa versione di Chet Baker (molto più bella dell'originale di Costello) dà un tocco di magia alla tristezza, alla solitudine e alla vita.
    Al3ph

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei brani che più amo, ma eseguito da Chet, nessun altro... solo lui riesce a dare quella sospensione alle parole, ad arrotolarle , a renderle in un soffio rauco che somiglia a un gemito.

      Elimina
  2. belle le mandorle e le noci adesso che persino lo stracchino pone difficoltà alla mia bocca. Più facile il bicchiere, con dentro però di sangiovese che si può vedere rosso o nero secondo la camicia che indosso nella commedia che in quel momento indosso: Un saluto mentre vago in CONTINENTE ancora per un po di giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io so poco o niente di vini. Sono astemia, anche se un mezzo bicchiere qualche volta lo bevo. Ma il Greco di bianco mi piace tantissimo, lo ho assaggiato tempo fa, ha proprio quelle note, mandorle e noci..le distingui chiaramente.
      Peccato che tu nn fossi in continente una settimana fa!

      Elimina
    2. L'italia è lunga e anche la vita. Vedrò di coordinarmi meglio un'altra volta, cercando prima di rimettermi in sesto con sarto barbiere e anche oltre. Oppure no, magari non sembrerei neppure io. Un saluto e un sospiro... (di sollievo per te per il rischio evitato!).
      Ciao.

      Elimina
  3. incantata e.. stordita dalla delicatezza del gusto di questo inusitato brindisi

    RispondiElimina

Per chi commenta in anonimo: lasciare Nome e Nick o URL