domenica 6 agosto 2017

Infinito, finito

Se di infinito conoscessi il senso
potrei ritrovarlo nei miei giorni.
E sono sicura sarebbe musica
che saprebbe arrivare a te,
a quel cuore in cui
ancora non so stare.
Avrei le mani così grandi
da tenerti tutto
in quella linea
che racconta la mia vita.
 
Se di infinito ti sapessi parlare
racconterei del tempo,
di questo tempo,
pieno di malinconia
appoggiata ai miei occhi,
scivolata in gocce
agli angoli della mia bocca.
 
Se di infinito sapessi sognare
avrei un'anima così grande
da riuscire a stringere
quelle spalle così lontane,
curve su un desiderio
che tutto quest'infinito
non sa abbracciare.



8 commenti:

  1. Ciao,bellissime le immagini del video,ma la musica di Glass la trovo troppo ripetitiva.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La bellezza della diversità diopinini :) Io adoro questo brano di Glass :)
      Ciao

      Elimina
  2. Come sempre mi trovo ad apprezzare parole che suonano come musica,ma che mi fanno pensare a tante cose senza mai trovare le parole giuste per commentare poesie come questa. Allora lascio che i suoni della musica e delle parole fluiscano in me, assaporandone la dolcezza, ma anche l'infinita malinconia e non mi resta che lasciarti un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La poesia non credo vada spiegata o commentata con parole "giuste". La poesia si "sente" e non ha bisogno di parole ma solo di empatia. Esattamente come ti approcci tu, Kathe :)
      Abbraccio ricambiato.

      Elimina
  3. L'infinito è solo un concetto, alla fine (bell'ossimoro eh?!..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .... ed i concetti sono, per definizione "finit"cioè limitati. Quindi sì, un bell'ossimoro :)

      Elimina
    2. devo cambiare pc, la tastiera è andata... mi sembra di scrivere in lingua straniera :))

      Elimina
  4. Io sento che questo "Infinito" parlerà di amore alla persona a cui è dedicato.
    Un abbraccio

    RispondiElimina

Per chi commenta in anonimo: lasciare Nome e Nick o URL